martedì 2 ottobre 2012

Vent'anni


Sono passati vent'anni da questo video.
Sono passati vent'anni. Metà della mia vita!
Sono passati vent'anni da quando guardando questo video mi venne l'idea di scrivere "Tre ore di coda".
L'anno dopo uscì "Un giorno di ordinaria follia", chiaro plagio della mia idea mai sviluppata...
Questo video dei R.E.M. fu il pretesto per iniziare a scrivere una storia che non ho mai finito.
Un video bellissimo, a mio parere. Che è un film, in breve.
Una coda di macchine che può rimanere un semplice ingorgo o che può dare lo spunto per sbirciare dentro ogni macchina e scoprire che dietro al rumore fastidioso dei motori, nell'aria viziata ed inquinata dagli scarichi, ognuno ha i suoi pensieri, le sue preoccupazioni e, insomma, la sua vita.
Questo era il pretesto di "Tre ore di coda". Intrecciare tante storie accomunate da una coda in autostrada.
E la follia? Beh, cosa c'è di più odioso e stressante del traffico? E' normale, no, che ci scappi il morto...
All'epoca (ma non ho mai smesso) leggevo tanto Stephen King.

Tutte le volte che sento questa canzone torno indietro di vent'anni e tutte le volte sono convinto che basterebbe avere il tempo di finirla quella storia...
E' un alibi, lo so. Una scusa. Una banale scusa per giustificare un'ambizione troppo alta.
Eppure, ad averci il tempo...

Ciao!

Una morte dignitosa

Il problema è che l'hanno umanizzato. E in un periodo come questo dove i nemici sono sempre più evidenti e i cattivi sempre più cattivi...