martedì 4 aprile 2017

Quattro mesi dopo

Caro Amico mio,
sono passati 4 mesi da quando ho saputo che non ti avrei mai più visto e ancora oggi il cuore è piccolo piccolo.
Da quel giorno non è passata giornata senza che io ti abbia pensato.
È strano e ingiusto allo stesso tempo: mesi, anni senza sentirci e poi a pensarti ogni giorno quando non serve più a niente.
Le lacrime di coccodrillo, appunto.
Ancora non ho capito cosa sia successo e mi chiedo poi a cosa serva capirlo.
Serve forse a farmene una ragione? Ma poi che ragione mi devo fare?
Serve forse a smettere di pensarti. Di pensarti almeno in questo modo! Perché adesso pensarti è sempre farsi la solita domande: “Perché?“.
Cammino per Arenzano e vedo i ragazzi fermi ad aspettare il pullman per Voltri e mi ricordo di voi arenzanesi che venivate al Liceo con quegli autobus diversi da noi genovesi; quei pullman che si usavano per le gite e questo vi rendeva ancora più “villeggianti” ai nostri (miei almeno) occhi.
Sei “assente” su Skype! Assente come il mio collega che si è alzato per andarsi a fumare una sigaretta! Che fredda che è la tecnologia. Sei ancora su Twitter, con nuovi followers tracciati da quei tools automatici. Che cinica che è la tecnologia!
Mi manchi amico mio. Mi manchi sempre di più, giorno dopo giorno, mese dopo mese.
Non credo alla vita dopo la morte, all’anima e al paradiso, ma se per caso sbagliassi – può succedere! – allora da lassù, perché lassù saresti, mi piace pensare che tu possa sorridere un pochino a vedere questo piccolo nanetto scrivere frasi sconnesse nel tentativo di dirti semplicemente “Ti voglio bene!”.
Con affetto, Paolino.

Nessun commento:

Di violenza, di vittime, di carnefici e di matematica

Ci sono temi sui quali non si deve fare filosofia. La violenza è uno di questi argomenti. La violenza è violenza e la violenza ha un colpe...