lunedì 21 febbraio 2011

Di libertà e testamento biologico

Mi viene un dubbio...
Ma un dubbio brutto!
Ma proprio brutto...
E se certe leggi e decisioni "politiche" venissero proposte ad arte per tener buona una parte di elettorato o, più in generale, una casta importante come di fatto è la chiesa?
E se certe idee venissero propugnate per ricevere il plauso dei cattolici e della santa sede, a dispetto di altri comportamenti noti che alla stessa santa sede tanto a genio non possono e non devono andare?
Che domande eh?
Eppure in questi giorni alla camera (ah, per chiarezza, non metto le maiuscole per scelta e decisione, perché non ritengo se le meritino, né la chiesa, né la santa sede, né la camera) si dibatte sul testamento biologico e si sta proponendo una legge che leggerò ma che non mi aspetto sia in linea con quelle che sono le mie idee di libertà e libero arbitrio personale...
Dico solo che se le domande di prima avessero una risposta affermativa, beh... allora la cosa sarebbe eticamente preoccupante.
Sarebbe preoccupante che un governo (minuscolo) si muovesse e facesse "politica" sull'onda degli scandali nei quali il suo capo è coinvolto. Ma sarebbe eticamente ancora più preoccupante che la chiesa vendesse la propria morale al miglior offerente. E che quindi ingoiasse il boccone amaro della lussuria (peccato mortale peraltro) in cambio di una legge che vieti l'eutanasia.
Che poi, miei cari credenti, perché mai vi soddisferebbe questa legge? Perché volete nero su bianco quello che scritto non deve e non può essere in quanto oggetto di profonda e sofferta e triste e dolorosa riflessione personale?
Buon lunedì a tutti.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Fatevi amico Paolino e andate sul suo profilo FB... questo blog è vivissimo... ;-)
K

Paolino ha detto...

Grazie AnonimaK!

Anonimo ha detto...

Visto che c'ha pregato in ginocchio, va bene...Stupendo blog, erano anni che non ne leggevo uno così, la prima cosa che faccio la mattina è aprirlo e vedere se il nostro ha postato qualcosa che renderà la giornata piacevole (poche volte, è di un pessimismo interstellare.....) profondo, attento osservatore dell'animo umano (essendo un pendolare...) e per questo dotato di rarissima sensibilità alle "disgrazie" che tutti i giorni ci avvolgono...un inguaribile e romantico dispensatore di pensieri e opinioni, che ci rammentano, se mai qualche volta avremmo la voglia di dimenticarcene, in che razza di mondo e vita viviamo. Insomma un inguaribile rompicojoni!! Ma mi piace, condivido (anche se è genoano...) e je vojo bene.
Stefano

Anonimo ha detto...

Visto che c'ha pregato in ginocchio, va bene...Stupendo blog, erano anni che non ne leggevo uno così, la prima cosa che faccio la mattina è aprirlo e vedere se il nostro ha postato qualcosa che renderà la giornata piacevole (poche volte, è di un pessimismo interstellare.....) profondo, attento osservatore dell'animo umano (essendo un pendolare...) e per questo dotato di rarissima sensibilità alle "disgrazie" che tutti i giorni ci avvolgono...un inguaribile e romantico dispensatore di pensieri e opinioni, che ci rammentano, se mai qualche volta avremmo la voglia di dimenticarcene, in che razza di mondo e vita viviamo. Insomma un inguaribile rompicojoni!! Ma mi piace, condivido (anche se è genoano...) e je vojo bene.
Stefano

Di violenza, di vittime, di carnefici e di matematica

Ci sono temi sui quali non si deve fare filosofia. La violenza è uno di questi argomenti. La violenza è violenza e la violenza ha un colpe...