martedì 25 novembre 2008

Prendere posizione?

Su Eluana Englaro si sono espresse molte cariche istituzionali.
La Chiesa ha espresso il suo punto di vista (riassumendo: preservare la vita in ogni caso), la Corte di Appello Civile di Milano ha detto la "sua" (autorizzando il padre di Eluana ad interrompere il trattamento di idratazione ed alimentazione forzato che sta tenendo in vita sua figlia).
Chiunque, in questi giorni, esprime la propria opinione (e sto entrando anche io tra i "chiunque"), in tanti esprimono giudizi e molti si sentono tenutari del giusto (in queste due ultime categorie non vorrei invece entrare).
Su temi come l'eutanasia e l'aborto mi risulta assai difficile indicare la via giusta, esprimere giudizi su chi si comporta in un modo o nell'altro.
Penso però chiaramente questo: ognuno deve avere la libertà di scegliere. Il peso della scelta (in un senso o nell'altro, sia chiaro) deve essere l'unico peso che una persona si porta sulle spalle per tutta la vita.
Detto questo a me è evidente che per preservare questo diritto, l'unica legge "giusta" è quella che non preclude una possibilità. Vietare l'aborto, vietare l'eutanasia, di fatto preclude ad un individuo una scelta su due possibili. Legalizzarli (e quindi non vietarli) lascia aperte le due possibilità e quindi la libertà di poter scegliere.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ultimamente nel suo blog sta affrontando temi molto alti: eutanasia,aborto, religione. E' difficile commentare questi temi. Tendenzialmente ripeterei quello che ha già riportato nelle sue conclusioni o per meglio dire nella parte finale dei suoi interventi. Di conclusivo forse non c'è niente. Su tali temi non c'è risposta certa e concordo sul ritenere preferibile lasciare la dolorosa facoltà di scelta che imporre una visione unilaterale. Invece in questo paese su taluni temi etici ci siamo irrigiditi pretendendo di decidere per altri , mentre su altri come giustizia, solidarietà, contribuzione fiscale per la collettività, rispetto per l'ambiente, etc lasciamo facoltà ad alcuni di fare quel che vogliono.

Ex anonimo GDE

Paolino ha detto...

Egregio GDE che dirle?
Stranamente siamo in sintonia!

;)

Una morte dignitosa

Il problema è che l'hanno umanizzato. E in un periodo come questo dove i nemici sono sempre più evidenti e i cattivi sempre più cattivi...